Guida Texas Hold'EMGuida Texas Hold'EM

Il Texas Hold'Em, chiamato per semplicità Hold'em, è la variante più famosa del Poker. La nostra guida al Texas Hold'Em vi spiegherà tutti i segreti per iniziare a giocare al Poker Texano.

Background

Il Texas Hold'Em, conosciuto anche come Poker Texano, è la variante del poker a carte comunitarie più popolare in Italia. La sua ascesa è dovuta maggiormente alla grande copertura mediatica offerta dalla tv dove sono sorti canali tematici che prevedono nei loro palinsesti il Texas Hold'Em 24 ore su 24.

Il gioco in pillole

Al gioco possono partecipare in teoria fino a 22 giocatori anche se comunemente i tavoli sono composti da 2 a 10 giocatori. Il mazzo è composto da 52 carte ossia tutte le carte del mazzo francese esclusi i due jolly. Ogni giocatore riceve due carte coperte e al centro del tavolo vengono poste cinque carte in comune le quali vengono scoperte dal mazziere durante il gioco. Le carte in comune, insieme alle due carte coperte, concorrono a determinare il punteggio finale dei giocatori.

Vince chi alla fine di tutte le mano tiene per sè tutte le fiches. Ad ogni mano se uno o più giocatori finiscono le proprie fiches vengono eliminati dal gioco.

Le puntate

Un giro di puntate si può concludere quando si verifica una delle seguenti condizioni:

  • uno o più giocatori hanno pareggiato la puntata più alta
  • tutti i giocatori, tranne uno, abbandonano la mano

Ogni giocatore durante il giro di puntate può compiere quattro azioni:

  1. check (bussare, passare): il giocatore passa l'iniziativa al giocatore successivo senza effettuare puntate; se uno dei giocatori successivi effettua una puntata il gioco ritornerà nelle mani del giocatore che aveva scelto di passare; una volta che un giocatore effettua una puntata non è più possibile utilizzare questa opzione
  2. call (chiamare, vedere): il giocatore pone nel piatto il numero di fiches necessario per eguagliare la puntata maggiore effettuata in quel giro di puntate
  3. raise (rilancio): puntare un numero di fiches superiore a quello puntato fino a quel momento; una volta che un giocatore effettua un rilancio gli altri giocatori possono scegliere tra call, raise e fold (vedi in seguito; è importante notare che i rilanci successivi al primo raise devono almeno eguagliare la differenza tra il l'ultimo rilancio e quello precedente
  4. fold (lasciare): il giocatore può decidere di abbandonare la mano corrente consegnando le sue carte al mazziere, rinunciando al piatto e a quanto puntanto fino in quel momento

E' importante ricordare due ultimi concetti:

  • se un giocatore effettua una puntata, tutti gli altri giocatori, a meno che non facciano fold, devono almeno fare call, cioè devono almeno pareggiare l'ultima puntata ponendo nel piatto il numero di fiches necessario
  • nel caso in cui l'importo per coprire la puntata è maggiore rispetto a quanto dispone un giocatore, il giocatore avrà ancora una chance per partecipare alla giocata facendo all-in cioè ponendo nel piatto tutte le fiches che gli restano; in questo modo il giocatore partecipa al gioco per la parte di piatto coperta dalle sue fiches mentre il resto del piatto viene conteso tra tutti i giocatori che hanno coperto l'intera puntata; le due parti si chiamano rispettivamente main pot e side pot; data la possibilità di effettuare più giri di puntate all'interno di una mano si potrà verificare che più giocatori facciano all-in e di conseguenza si potranno avere più side pot al termine della mano

Le fasi del gioco

Il gioco si divide in sei fasi: puntate, pre-flop, flop, turn, river, showdown

  1. Puntate: il primo giocatore alla sinistra del dealer (cioè il mazziere) pone nel piatto lo small blind, mentre invece il giocatore successivo pone nel piatto il big blind; il big blind (o grande buio) corrisponde alla metà dello small blind e costituisce la puntata minima obbligatoria per partecipare alla mano
  2. Pre-Flop: il mazziere distribuisce due carte a testa per ogni giocatore; le due carte sono coperte e la distribuzione inizia dalla sinistra del mazziere; si effettua quindi il primo giro di puntate partendo dal giocatore alla sinistra del grande buio
  3. Flop: il mazziere, tolta la gioco la prima carta del mazzo, pone tre carte scoperte sul tavolo; tali carte sono dette carte comunitarie e valgono per tutti i giocatori; a questo punto si effettua un nuovo giro di puntate ma questa volta il giro partirà dal giocatore alla sinistra del mazziere (e sarà così fino alla fine della mano)
  4. Turn: il mazziere elimina un'altra carta dal mazzo e scopre una quarta carta in comune; i giocatori procedono quindi ad un nuovo giro di puntate
  5. River: il mazziere elimina un'ultima carta dalla cima del mazzo e scopre la quinta ed ultima carta comunitaria; a questo punto i giocatori fanno un ultimo giro di puntate.
  6. Showdown: a questo punto il giocatore che ha effettuato l'ultima puntata scopre le proprie carte e gli altri giocatori a turno fanno altrettanto; il giocatore che combinando 5 tra le sette carte a sua disposizione (2 originariamente coperte più 5 comunitarie) ottiene il punteggio più alto vince il piatto; in caso di punti equivalenti si controllano le carte esterne al punto e si verifica quale giocatore ha la carta più alta; se anche in questo caso si è in parità il piatto viene diviso in parti uguali, tra i concorrenti che hanno pareggiato; nel caso in cui dopo il river non fossero state fatte altre puntate il giocatore che scoprirà per primo le sue carte sarà il primo giocatore alla sinistra del mazziere (lo small blind)

Terminato il turno si procede alla mano successiva nella quale il mazziere, il piccolo buio e il grande buio si spostano di un posto a sinistra.

I punti

Nel Poker Texano valgono le stesse regole del poker in termini di punteggio. L'unica differenza sostanziale è che in questo caso il full vince sul colore (questo accade perchè nel Texas Hold'em si gioca con il mazzo completo da 52 carte)

Glossario

  • Dealer: è il mazziere, il giocatore che distribuisce le carte
  • Bottone: è un segnaposto che viene attribuito di volta in volta al mazziere
  • Under the Gun: è il giocatore che inizia la mano, solitamente una posizione di forza
  • Pot: è il piatto
  • Split Pot: si ha quando il piatto viene diviso tra più giocatori ad esempio nel caso di pareggio allo Showdown

I giocatori italiani di Texas Hold'em più famosi

Per concludere questa guida citiamo alcuni dei giocatori italiani di Poker Texano più famosi nell'ambiente.

Luca Pagano: professionista dal 2004, membro del Team PokerStars Pro è il giocatore che si è piazzato più volte a premi negli EPT. Conduce insieme a Giacomo Valenti Poker1Mania.

Dario Minieri: soprannominato Supernova, Dario Minieri, classe 1985, è il primo giocatore italiano a raggiungere il Final Table nei tre maggiori del poker internazionale.

Filippo Candio: soprannominato Drive On è stato il primo giocatore italiano ad aver raggiunto il Final Table delle WSOP (concludendo il torneo al quarto posto)


Commenti degli utenti alla pagina:

Non ci sono commenti per questa pagina.

 

Mappa del sito